Sunday, 26 July 2015

Ancora Kombucha

Circa 20 anni fa, durante un viaggio a Praga, sono diventata dipendente del Kombucha dal primo sorso.
Per anni mi facevo portare dalla Germania e dall'Austria il Kombucha della Carpe Diem, poi negli ultimi anni ho cominciato a trovarlo anche alla Coop, ma il gusto non era proprio lo stesso, sembrava come annacquato, poi hanno introdotto le bottiglie in plastica e la poesia mi è passata. 

Due settimane fa ho partecipato ad un corso di crudismo, ed appena ho sentito parlare di Kombucha mi sono illuminata. Nelli mi ha spiegato tutti i segreti ed i procedimenti di produzione.

Che cosa è il tè di Kombucha? 

Il Kombucha nasce da un tè zuccherato, nel mio caso dal tè verde, che in seguito fermenta grazie ad una "cultura simbiotica di batteri e lieviti" solitamente chiamata MADRE.
La madre si nutre della maggior parte dello zucchero presente nel tè, trasformandolo in un liquido frizzante, leggermente acidulo, povero di calorie e zucchero.
La madre galleggia e prende la forma del vaso nella quale la lasciate fermentare, è gommosa ed allo stesso tempo scivolosa. In 2 settimane la mia è cresciuta di 4 volte.
Probiotici?
Il Kombucha è indiscutibilmente ricco di probiotici che aiutano il nostro corpo a mantenersi in salute. Si sostiene che aiuti molto in malattie come l'artrite, la depressione ed i bruciori di stomaco.
Note per la produzione
Mettere a riposo il Kombucha
Se si prevede di andare in vacanza per 3 settimane, basta fare un lotto fresco e lasciarlo sul bancone. Dopo 3 settimane sarà probabilmente troppo acidulo, ma la madre starà bene. Per periodi più lunghi meglio conservarlo in frigo, sempre con la sua garza.
Varietà di tè
  • Il tè nero tende ad essere il più semplice e affidabile per la fermentazione del kombucha, ma una volta che avrete più dimestichezza potrete provare con altre qualità di tè. 
  • Il tè verde, tè bianco, tè oolong, o addirittura mix di questi tè, rendono il kombucha particolarmente buono. 
  • Le tisane possono anche andare, ma bisogna aggiungere almeno un paio di bustine di tè nero nel mix per assicurarsi che la madre ottenga tutti  i nutrienti necessari. 
  • Evitare qualsiasi tè che contenga oli, come tè earl grey o i tè aromatizzati.
Attenzione
Evitare il contatto prolungato con i metalli. Metalli particolarmente reattivi come l'alluminio, possono dare al kombucha un sapore metallico e indebolire la madre nel corso del tempo.
Risoluzione dei problemi Kombucha
  • E' normale che la madre galleggi sulla superficie, sul fondo o lateralmente. 
  • E 'normale che si formino dei filamenti marroni sulla parte inferiore della madre o sul fondo del vaso. 
  • Se la madre sviluppa un buco, dossi, zone secche, macchie marroni scure o macchie di gelatina, va bene. 
  • Il Kombucha partirà con un aroma neutro e poi l'odore diventerà progressivamente più acidulo. 
  • Se si inizia a sentire l'odore di formaggio, di marcio, o di un altro odore sgradevole, questo è un segno che qualcosa è andato storto. Se vedete segni di muffa sulla madre, buttate il liquido e ricominciare con del tè fresco. Se vi sono segni di muffa, eliminare sia la madre che il liquido e ricominciare con nuovi ingredienti.
  • la madre potrà durare per molto tempo, ma non è indistruttibile. 
  • Se la madre diventa nera, vuol dire che il suo tempo è arrivato e va sostituita. 
  • Se si sviluppa muffa verde o nera, è stata infettata. In entrambi i casi, buttare via tutto e ricominciare.
  • Per prolungare la vita e mantenere in salute la madre, attenersi alla ricetta. Si dovrebbe anche staccare lo strato più inferiore ogni pochi lotti. Questo può essere scartata, compostato, utilizzato per avviare un nuovo lotto di kombucha, o dato a un amico per avviare una propria.

Sunday, 12 July 2015

Tè di Kombucha

Storia
Il tè Kombucha veniva consumato in Cina già nel 250 A. C. ed era considerato come un elisir di lunga vita. È una bevanda con origini orientali, che secondo la medicina tradizionale cinese è in grado di curare numerose malattie ed è un elisir di lunga vita.

Giunge in Europa agli inizi del Novecento attraverso la Russia.

Si tratta di un infuso simile al tè, un po` frizzante ed acidulo, a cui veniva attribuito proprietà di equilibrio tra lo stomaco e la milza, aiutando la digestione.

Il Dottor Rudolf Sklenar, ottenne risultati positivi somministrando il tè di Kombucha nel controllo del diabete, della pressione sanguigna, della gotta, nell'arteriosclerosi, nell'artrite, nell'obesità, nel colesterolo, nelle prime fasi del cancro,  nei reumatismi ed in problemi digestivi di vario genere.




  • una coltura di Kombucha
  • 1 litro di acqua, se possibile basica e bioenergetica
  • 5 gr di the verde o nero

Tempi di preparazione

da 20 minuti a 12 giorni   
    Procedimento
  1. Preparare 1 litro di tè con 5 gr di the nero o verde. Io uso acqua basica e bioenergetica in modo da non dover bollire l'acqua ma preparando il tè a freddo. Lasciare in infusione per ca. 15 minuti.
  2. Terminata l'infusione aggiungere 70 - 100 gr di zucchero di canna e mischiare fino a completo scioglimento dello zucchero.
  1. Se avete bollito l'acqua attendere che si sia raffreddata sino a 20° - 25° C. Se la temperatura è troppo calda la coltura muore, quindi fate attenzione!
  2. Quando è pronto versare il tè in un barattolo di vetro.
  3. Aggiungere il liquido della coltura assieme al Kombucha vivo "madre". Per le prossime preparazioni conservare sempre il 10% di liquido "starter" assieme alla madre.
  4. Coprire il barattolo con una fitta garza o un panno onde evitare che insetti si introducano nella preparazione, fissare poi con un elastico.
  5. La fermentazione dovrebbe proseguire per almeno 5 -12 giorni a seconda della temperatura. Più alta è la temperatura più veloce è la fermentazione. La Kombucha ha bisogno di un luogo tiepido, tranquillo e buio, dal quale non dovrebbe essere spostata durante il processo di fermentazione. La temperatura del liquido dovrebbe essere tra i 20° ed i 30°C, non oltre. la temperatura ideale è tra i 23° ed i 27° C. 
  6. Quando il tè ha raggiunto la giusta acidità (ph 2,7 - 3,2), a seconda del gusto personale, rimuovere la coltura con le mani pulite. Lavare la coltura con acqua fredda o appena tiepida e riporla in un nuovo recipiente con il 10% del tè, precedentemente preparato.
  7. Il tè restante va imbottigliato e tappato per bene e riposto in frigorifero. Una certa quantità di sedimento, dovuto alla crescita di fermenti, è normale.
Ringrazio di cuore 
Nelli Todorov 
http://nelisraw.blogspot.it
per avermi regalato una coltura madre 
e per la ricetta della preparazione del Kombucha
Per saperne di più leggete il libro KOMBUCHA di Günter W. Frank: